Visualizzazione post con etichetta occhiali da sole. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta occhiali da sole. Mostra tutti i post

domenica 16 luglio 2017

Rafting all'Oakley Experience

Un bel giorno mio padre mi chiama dall'altro negozio e mi dice: ho un invito a questa oakley experience, ti va di andarci?
Direi di si.

E da questa esperinza nascono questi tre video.
Buona visione!

Parte 1


Parte 2


Parte 3


Se avete domande non esitate a farle: sarò lieto di rispondere appena possibile.

venerdì 28 aprile 2017

Lenti polarizzate, pregi e difetti

visione senza lente polarizzata sopra
...con lente polarizzata sotto
Rapido post supersintetico sulle lenti polarizzate:

Come sono costruite
Trattasi di una lamina inserita tra due lenti sottili che scherma le frequenze luminose polarizzate.
La lamina è solitamente fissata tramite un collagene. La qualità complessiva della lente è dunque proporzionale alla qualità delle due lenti sottili sopracitate e del collagene utilizzato.

Pregi:
Eliminano i riflessi da alcune superfici.
Ad esempio quello del cruscotto che, illuminato dal sole, viene proiettato parabrezza della macchina.
Un altro esempio sono gli specchi d'acqua i quali risulteranno più trasparenti permettendo di vedere meglio cosa c'è al di sotto della superficie.
Riducono il riverbero dalle superfici riflettenti come sabbia e neve.

Difetti:
Gli schermi dei cellulari o qualunque lcd, se inclinati perpendicolarmente alla polarizzazione, possono risultare neri in quanto dotati a loro volta di un filtro polarizzato. (più facile a vedersi che a spiegarlo).
I filtri polarizzati mettono in evidenza le tensioni sulle superfici trasparenti: Indossandoli si può ad esempio notare una scacchiera arcobaleno sul lnotto termico posteriore delle auto o sui bordi del parabrezza; questa caratteristica li rende sconsigliati per l'uso in moto in quanto potrebbero evidenziare le tensioni sulla visiera del casco (effetto al quanto fastidioso che ho potuto sperimentare di persona)!

Curiosità:
Incrociando due filtri polarizzati perpendicolarmente ottengo una schermatura tale da poter osservare una eclissi!

Note:
Come accennato eliminano i riflessi da ciò che osservo. I riflessi sulla superficie lente stessa possono comunque essere presenti: per eliminare quelli è necessario aggiungere il trattamento antiriflesso interno. Sulla superficie esterna della lente si possono comunque fare trattamenti di specchiatura senza alterare la visione dall'altro lato della lente.


venerdì 24 marzo 2017

C'è molta confusione sulla qualità delle lenti polarizzate

Stavo facendo delle ricerche e sono inciampato in questa community

http://spinning.forumcommunity.net/?t=6341067
Parlavano di lenti polarizzate.
Incollo qua il pezzo di discussione che mi ha fatti un po' storcere il naso.

mi dispiace deluderti ma gli unici polarizzatori seri in commercio sono Revo e i nuovi Oakley HDO, con tutuuo che i secondi sono pure leggermente superiori ai primi. Ora ti spiego i perchè.
Primo premetto che le uniche lenti polarizzanti serie sono di colore grigio-blu. Secondo devono essere il meno curve possibile per accentuare l'effetto di polarizzazione. Ma soprattutto c'è una cosa che pochi sanno:ovvero i problemi di distorsione. Le lenti normali polarizzanti, anche se quando le indossi ti danno una piacevole sensazione, hanno insita una distorsione molto difficile e costosa da eliminare, e questa è causa, alla lunga, di astigmatismo ed altri disturbi.Le HDO e le revo hanno trovato dei processi per minimizzare questo grande problema. Vi do un consiglio da amico (e il mio astigmatismo pre-Revo lo conferma) se non volete comprare lenti serie portate i polarizzanti il meno possibile e solo9 dove servono: è vero che proteggono meglio dalla luce prevenendo cataratta ecc...ma anche l'astigmatismo non è un bel compagno

Secondo questa persona le lenti polarizzate vanno usate il meno possibile perchè causano astigmatismo ed altri disturbi. Afferma anche che prevengano la cataratta.

Facciamo chiarezza:
Tutte le lenti con filtro UV400 aiutano nella prevenzione della cataratta.

Se sono presenti distorsioni generate dai filtri polarizzati la causa va ricercata analizzando il metodo costruttivo della lente:
é una specie di panino con maionese e prosciutto! Mi spiego meglio: ci sono degli strati esterni composti dalla lente (pane), uno strato composto dal filtro polarizzato (prosciutto) e un collagene per tenere tutto assieme (maionese).
Il filtro polarizzato è più o meno uguale per tutti.
Riguardo il materiale della lente, più è costoso l'occhiale e maggiore sarà la qualità e la stabilità nel tempo.
Infine parliamo del collagene: genera delle abberrazioni difficilmente percepibili che possono, in persone particoalrmente sensibili, generare qualche fastidio.

Le lenti HDO della Oakley in effetti sono fuse direttamente attorno al filtro polarizzato, evitando quindi l'uso di collageni!

Le lenti curve, per evitare distorsioni dovrebbero integrare un prisma di compensazione. Se c'è non danno problemi.

Quindi l'astigmatismo se l'è inventato?
No. Però potrebbe aver usato delle lenti di bassa qualità che  non integravano il prisma di compensazione o che al primo caldo estivo si sono incurvate abbastanza da generare qualche fastidio.
Inoltre ci sono astigmatismi generati da contrazioni muscolari che modificano la posizione del cristallino all'interno dell'occhio, indipendentemente dal fattore "polarizzazione"

Le conclusioni a cui giunge sono comunque corrette. Le lenti H2o della Revo e le HDO della Oakley sono ottime lenti, tra le migliori polarizzate, e non generano alcun disturbo! Disturbi che potrebbero invece generare gli occhiali comprati in autogrill a 15€

In conclusione si potrebbe anche dire che se costa poco, ci sarà un perchè!

venerdì 22 luglio 2016

Indice Raggi UV

Oggi il sole splenede e scriverò di qualcosa a cui si pensa d'estate ma che in inverno viene trascurata.
Raggi ultravioletti!

Avete mai fatto caso che in alcuni servizi di previsione meteo viene indicato Intensità UV?
Cosa indica questo valore?
Indica quanti raggi ultravioletti arrivano sulla terra.
In base a questo dato possiamo sapere che protezione usare!

In pratica, quando fanno le previsioni, vengono valutati i dati di altitudine, spessore atmosferico, filtro applicato dalla presenza di nuvole o smog. Ognuno di questi fattori va a sottrarre un po' di raggi ultravioletti. L'atmosfera terrestre stessa (per la precisione lo strato di ozono) blocca i raggi ultravioletti definiti dalla sigla UV. Sono suddivisi in tre categorie A,B e C le frequenze UV-C e limita le UV-B. Tali frequenze impedirebbero addirittura lo sviluppo della vita sulla terra! Basti pensare che i raggi ultravioletti sono utilizzati per sterilizzare oggetti e ambienti!

Quelli che arrivano in maggior parte sulla terra sono i raggi UV-A.
A seconda dell'intensità viene assegnato un valore. Guardando, ad esempio, Meteo.it possiamo notare sopra la mappa la dicitura "UV". Selezionando tale voce la mappa ci mostrerà l'indice UV di ogni zona d'italia.


Questi valori possono darci importanti indicazioni sulla protezione da usare ed essere facilmente interpretati grazie a tabelle come questa.


Per esperienza personale: non sottovalutate questi numeri. Ricordo di un viaggio in moto: si stava bene, era nuvloso e decisi di non indossare i guanti. Arrivai a casa che invece delle dita avevo dei gamberetti rossi! Morale della favola: ci si pù scottare anche quando è nuvolo.

E ricordate di proteggere non solo la pelle ma anche gli occhi con un paio di occhiali adeguati alle vostre esigenze!

sabato 2 luglio 2016

Proteggersi dal sole

Arriva l'estate.
Si va al mare e si prendono le scottature se non si sta attenti ad usar le protezioni giuste.




Stessa cosa vale per gli occhi!
Avete mai fissato una lampadina? Avrete notato che per qualche istante dopo averla guardata rimarrà impresso nel vostro campo visivo una sagoma del tutto simile alla fonte luminosa che avete fissato?

Bene. La luce solare è 1000 volte più intensa di quella lampadina! I'occhio è molto elastico e si adatta ad ogni situazione ma è bene proteggerlo.



Per ridurre l'intensità luminosa è sufficiente una lente scura... ma si deve stare attenti a ciò che non riusciamo a vedere: i raggi ultravioletti!
Non li vediamo e non vediamo nemmeno ciò che può fermarli. Ci sono lenti molto chiare che proteggono benissimo e lenti molto scure che, invece, li lasciano passare.

Dalle scottature ci si riprende. La pelle viene continuamente rigenerata. La stessa affermazione non vale per l'occhio! La retina e l'endotelio corneale non sono ricostruibili.

Se non siete sicuri di quel vecchio occhiale vintage comprato su ebay o che avete in casa da parecchi anni o di un prodotto economico, rivolgetevi dal vostro ottico di fiducia: dovrebbe avere i mezzi per verificare se  la lente che indossate vi proteggono o meno.