Visualizzazione post con etichetta Cardboard. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cardboard. Mostra tutti i post

lunedì 9 ottobre 2017

Oculus Rift, HTC Vive, Playstation VR e Carboard

Non tutti sanno che sto studiando come optometrista.
Ho terminato gli esami e manca la tesi.
Tesi che ho deciso di fare su come i sistemi VR possono influire sulla vista.

Innanzitutto bisogna distinguere due tipi di tecnologia:
-dispositivi dedicati, prodotti da HTC e Oculus e Sony
-dispositivi fatti in casa, ovvero i "cardboard" (costituiti da una struttura da indossare che puó ospitare uno smartphone al suo interno)

Mentre i primi sono dotati di regolazioni per allineare i centri pupillari, i cardboard sono costruiti da vari elementi che possono variare notevolmente tra di loro, generando dei mancati allineamenti tra occhio e immagine con conseguente visione doppia o soppressione di un occhio.

Oggi per me é giorno di gaudio in quanto le conoscenze sui test visivi e le formule matematiche hanno dato i primi risultati pratici sui cardboard (che vorrei condividere).

Vado dunque a presentarvi il primo test sulle forie per cardboard!


Si tratta di una semplice immagine che potete caricare sul vosto cellulare.
Aprite l'immagine a schermo pieno, infilate lo smartphone nel cardboard e guardate dentro.
L'occhio destro vedrá una linea orizzontale rossa e verde, il sinistro una riga verticale;
Quello che percepirete dovrebbe essere una riga verticale sovrapposta ad una orizzontale.

Se la linea bianca cade sulla parte rossa le immagini sono troppo distanti tra loro
Se cade sulla parte verde sono invece troppo vicine.
Se vedo solo la linea orizzontale o solo quella verticale, sto sopprimendo l'immagine da un occhio.

In questi tre casi usare quel dispositivo puó provocare visione doppia, affaticamento visivo, nausea, mal di testa o mancata percezione della profonditá.

Se la riga bianca cade esattamente a metá della riga orizzontale, tra la parte verde e la parte rossa, i vostri occhi saranno perfettamente allineati alle immagini e la visione dovrebbe risultare maggiormente confortevole.

Se il vostro dispositivo consente una regolazione delle lenti, potete muoverle fino a vedere l'allineamento delle righe sopra descritto.

Questo sistema di allineamento puó funzionare discretamente ma tiene conto delle forie e non della disparitá di fissazione. É un buon punto di partenza ma non lo si puó definire completo.

Ricordate comunque queste 3 regole:

-Evitate un uso prolungato
-In presenza di qualunque malessere utilizzando questi dispositivi interrompetene l'uso
-Se non vedete in 3d o percepite una qualunque anomalia della visione consultate un professionista competente.