Nuove lenti sottilissime! Breve aggiornamento sui materiali.


Fino a poco tempo fa la lente infrangibile piú sottile era quella con indice refrattivo 1,74.


Chi ha giá letto altri articoli saprá gia che piú questo numero é alto e minore sará lo spessore della lente.

Ieri ad un incontro con Opto-In sono stato aggiornato sulla disponibilitá a listino delle lenti Tokai Optical, che  ha raggiunto l'indice refrattivo 1,76.
Ha anche aggiunto alle gamma lenti supersottili il valore 1,7 che pare essere piú strasparente dell'1,5 e con una purezza della lente superiore all 1,67.

Entrambe le lenti sono prodotte in giappone e disponibili in geometria sia asferica che biasferica e con trattamento fotocromatico.

quindi ad oggi la gamma di lenti infrangibili é cosí composta:
-1,500 (lente standard)
-1,530 (trivex, simile alla lente standard ma molto piú resistente)
-1,560 (un pó piú sottile e generalmente in geometria asferica)
-1,590 (policarbonato, sottile e resistente ma otticamente non é il massimo ed é piuttosto elettrostatico)
-1,600 (lente sottile standard, blocca i raggi UV)

da qua in poi le lenti possono essere considerate supersottili. Tutte bloccano i raggi UV e usualmente integrano geometria asferica, alcuni fornitori hanno anche la biasferica.
-1,670
-1,70 (con una trasparenza superiore alle classiche 1,500 e una purezza maggiore delle 1,67)
-1,740
-1,760 (indice refrattivo massimo raggiunto dalle lenti infrangibili in ambito di ottica oftalmica)


La cosa interessante non é lo spessore in se: tra 1,74 e 1,76 le differenze di spessore sono risibili.

Queste nuovi materiali ad altissimo indice refrattivo sono colorabili! Cosa piuttosto difficile per le lenti infrangibili ad alto indice.

Altra nota degna di nota di questi materiali é l'elevata resistenza alle temperature elevate, tallone d'achille dei trattamenti antiriflesso.

I colleghi che hanno avuto modo di provare le 1,74 sono rimasti colpiti dal risultato e le consigliano vivamente con geometria biasferica a chi vuole ridurre al minimo lo spessore delle lenti.

Commenti

  1. Buonasera,
    Infatti un ottico mi ha proposto le Seiko 1.74 biasferiche per la mia forte miopia (-13 e -12) e astigmatismo.
    Purtroppo i costi sono notevoli, ben 350 euro a lente :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenga presente che se ha sempre usato lenti in vetro potrebbe trovare scomode le biasferiche (e viceversa).

      Eventualmente prenda in considerazione anche le lenti a contatto (le piú salutari sono le semirigide-gas permeabili)

      Elimina
  2. Buonasera, vorrei un'informazione riguardo alla scelta dell'indice delle lenti... Io ho una miopia -4.50 al dx e una miopia di -1.75 al sx... la differenza è notevole e vorrei ridurre al minimo l'effetto estetico tra i due occhi. Quale indice consiglierebbe? Inoltre vorrei sapere come regolarmi sulla scelta delle lenti sferiche o asferiche... come posso sapere quale tipologia può essere più comoda per me? Tenga presente che ho sempre portato lenti a contatto e pochissimo gli occhiali, ma ora vorrei invertire l'abitudine in modo da non affaticare troppo gli occhi. Infine... leggo spesso sul suo blog che è importante scegliere l'ottico, perchè in generale le lenti sono fatte tutte più o meno allo stesso modo... tuttavia nel mio caso non ho modo di conoscere tanti ottici, e ciascuno decanta le qualità della marca di lenti che vende, per cui non so come regolarmi anche da questo punto di vista. Conosce le optovista? Come scelgo? Grazie intanto, spero possa orientarmi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno.
      Approvo la sua scelta di limitare l'uso delle lenti a contatto: sono comode ma spesso se ne abusa.

      Comincio subito con risposte specifiche alle tue domande: tra le due opzioni sceglierei le asferiche in virtú del fatto che producono meno distorsioni laterali; In linea di massima mi pare di capire che tu non abbia una abitudine a portare gli occhiali quindi non dovresti sentire notevoli differenze. Le asferiche sono piú sottili.

      In funzione dei poteri terrei in considerazione la piú grossa: il -4,50. Per ridurre lo spessore al minimo opterei per lenti asferiche con indice refrattivo 1,67. La lente sinistra é gia sottile... ma non possono ridurre lo spessore a zero: diciamo che non possono scendere sotto 1,5 mm e che il punto piúi spesso, nel tuo caso potrebbe essere 2,5mm. In questo caso la lente destra potrebbe essere di 4 mm e la sinistra di 2,5. Differenza di spessore poco visibile.

      Una menzione va fatta all'effetto di variazione di forma generato dalla lente. L'occhio dx sembrerá piú piccolo del sx. L'unico modo ridurre questo effetto é scegliere una montatura che tenga le lenti piú vicine possibile agli occhi (attenzione che se le ciglia toccano, alla lunga, possono graffiare le lenti!). Personalmente ti consiglierei anche di scegliere una montatura con lenti arrotondate e contenute (non troppo grande insomma).

      Vista la differenza tra le due lenti e il fatto che ha sempre portato lenti a contatto é da mettere in conto che ci vorrá un po'di adattamento.
      Potrebbe essere una cosa utile rivalutare i dati delle gradazioni e la funzionalitá binoculare: talvolta sovracorreggere o sottocorreggere una lente (o entrambe) permette una visione meno nitida ma piú confortevole.

      Se possibile, facci sapere la tua esperienza del passaggio da lenti a occhiali.

      Elimina
    2. Grazie per la sua risposta.
      Vi farò sapere prossimamente qual è la mia esperienza.

      Elimina

Posta un commento