giovedì 10 novembre 2016

Rimedi al mal d'auto (cinetosi o mal di Doom)


Come promesso riporto alcuni dati legati al libro "visione e postura".

Non ci si aspetterebbe di leggere di rimedi al mal d'auto in un blog di ottica... ma vista ed equilibrio sono strettamente collegate! 

Il mal d'auto è generato da un mancato allineamento tra le sensazioni visive e di equilibrio. Il nome tecnico è cinetosi.
Un esempio pratico: leggere in auto
Il sistema visivo percepisce qualcosa di fermo (il libro che sto leggendo) mentre il corpo registra una serie di movimenti e accelerazioni nello spazio (l'auto si sta muovendo). I due segnali che arrivano al cervello sono contrastanti generando sensazioni di disagio e nausea.

Schermata del gioco Doom

Stesso discorso vale per il "mal di Doom". Per chi non lo sapesse o ricordasse Doom è un vecchio gioco per pc; uno dei primi con visuale in prima persona. Come prima, le oscillazioni e i movimenti registrati dagli occhi non sono gli stessi registrati dal corpo. Il risultato è la nausea; la stessa che viene in auto.


Perchè alcune persone soffrono più di altre?
Escludendo problemi di salute, cervicali, labirintite, visione monoculare ecc. ci sono comunque persone che hanno meccanismi di adattamento più flessibili di altre e riescono a slegare il sistema visivo da quello propriocettivo evitando dunque questi disturbi (incluse vertigini e cefalee).

Tali meccanismi possono essere allenati, riducendo mal d'auto e vertigini.
Avvertenze:
- l'allenamento, inizialmente, potrà portare al mal d'auto anche durante gli esercizi.
- gli esercizi proposti sono molto generici e non mirati ad-personam; non posso dunque garantirne i risultati.




Esercizio 1
Fissare un oggetto posto di fronte a noi ad una distanza di 3 metri.
Ruotare la testa a destra e sinistra continuando a fissare l'oggetto; prima lentamente per poi aumentare il ritmo.
Ripetere senza ruotare la testa ma inclinandola su un lato, prima a destra e sinistra.
Ripetere alzando e abbassando la testa senza ruotare o inclinarla lateralmente
Ripetere i 3 passi precedenti osservando un oggetto vicino, posto a mezzo metro di distanza.

Esercizio 2
Fare oscillare un oggetto di fronte a se a mezzo metro di distanza, (ad esempio una sfera legata a un filo). Fissare l'oggetto in movimento senza muovere la testa.

Esercizio 3
Stendersi a terra e fare oscillare il precedente oggetto con movimento circolare sopra di se.
Sempre a testa ferma seguire l'oggetto con gli occhi.

Esercizio 4
Tenere in mano una penna di fronte a se. Mentre la si fissa, allontanarla e avvicinarla stando attenti che non diventi doppia.





Dedicate un po' di tempo ogni giorno per farli.
In linea di massima, se facendo questi esercizi cominciate a sentirvi male vuol dire che state facendo un buon lavoro. Prendetevi una pausa o interrompete.
Dovreste notare che, giorno dopo giorno, gli esercizi vi daranno sempre meno fastidio; 
è come se andaste in palestra: man mano che vi allenate acquisite forza ma le prime giornate di allenamento i muscoli fanno male!


Buon allenamento a tutti.
Se ci sono domande potete farle qua sotto: cerco sempre di rispondere il prima possibile.







giovedì 3 novembre 2016

5 consigli pratici per abituarsi alle lenti progressive


Come accennato in un precedente articolo di lenti progressivi ce ne sono tante!

Presupposto che la lente progressiva sia la più corretta e ben centrata, con gradazioni idonee ed escludendo patologie o errate abitudini del sistema visivo, l'adattamento dovrebbe essere rapido e indolore.



Ecco 5 consigli utili per tutti i portatori di lenti progressive.

1 - Sedetevi.
Soprattutto la prima volta in assoluto che li indossate; fatelo da seduti. Quando siete in piedi il vostro corpo è impegnato a mantenere l'equilibrio; mentre siete seduti non lo è. La visione viene utilizzata anche per la gestione dell'orizzonte e più in generale dei movimenti nello spazio circostante. Sedersi aiuterà quindi il corpo a non dover usare il sistema visivo per mantenersi eretto migliorando notevolmente il primo impatto con la nuove lenti.

2 - Usate il naso come un "timone".
Le lenti progressive hanno maggiori distorsioni ai lati: in pratica, quando si legge si percepisce più a fuoco la zona centrale. Col tempo il cervello impara a gestire queste distorsioni allargando il campo visivo; le prime volte sarà necessario puntare il naso in direzione di dove voglio vedere.

3 - Limitate i movimenti.
Una volta scelto cosa volete osservare, tenete gli occhi fissi sul vostro bersaglio e regolate il fuoco ruotando la testa in avanti o indietro. Sarà sufficente solo questo piccolo movimento. Cambiare distanza di lettura, ruotare la testa a destra e sinistra rischiano di complicare le cose. Riassumendo anche i due precedenti consigli: mettetevi comodi, puntate il bersaglio, regolate la messa a fuoco.

4 - Usateli in ambienti conosciuti.
Le distorsioni laterali alterano la percezione degli spazi. Meglio usarli quindi in ambienti ristretti e conosciuti, ad esempio in casa. Conoscendo le misure di un ambiente riuscirete a regolarvi meglio riguardo la percezione dello spazio.

5 - Accoglieteli serenamente.
Vanno accolti. Come degli amici; ci danno una mano con i loro pregi ed è cortesia accettarne i limiti. Sottolineo "serenamente": l'adattamento istantaneo è possibile e frequente; talvolta ci vuole un po' di tempo in più. In questi momenti dobbiamo rimanere sereni e non abbandonarli. Se si usano ci si abitua.

Come sempre, se avete domande, non abbiate timore di farle.
Cercherò di rispondere il più celermente possibile.